Il viaggio di Marta, il lupo e la coccinella – conclusione di una strana avventura

Dopo aver visitato quattro dei luoghi magici, Marta e la coccinella sono finalmente arrivate all’ultimo di questi… Cosa accadrà adesso?

Tocco magico

Tocco magico era addirittura più strano dei mondi precedenti. Qui tutto era morbido e gommoso, perfino le strade! Ma poi se si toccavano le superfici erano ruvide, tanto da graffiare.

Marta attraversò quello strano luogo in silenzio, ormai troppo stanca e sempre più preoccupata. Questo viaggio stava durando veramente troppo, il lupo ormai sarà andata via, pensava nella sua testolina, quindi poteva tranquillamente tornare a casa…

Marta ferma! Non muoverti!

La bambina, spaventata, si fermò di scatto.

Si accorse che erano in alto, in alto, su una specie di piedistallo da dove si potevano vedere i luoghi magici e tutto ciò che faceva parte di quel mondo strano.

Attorno a lei giochi di ogni tipo, ma la piccola non fece in tempo a chiedere cosa stesse succedendo alla coccinella che questa era sparita!

In un batter d’occhio si ritrovò intrappolata in una campana di vetro.

Avevi ragione mia cara, qualcosa di strano c’era

disse la coccinella che era proprio in cima alla campana di vetro

Il regno delle Disemozioni

Questo è il regno delle Disemozioni

continuò la coccinella

Qui i sentimenti non esistono, niente amicizia, amore ed ora risucchierò anche le tue, così diventerai come i bambini di visionaria e finalmente capirai che le emozioni non servono

Marta era terrorizzata e non riusciva a trattenere le lacrime. Adesso sapeva di aver ragione, adesso si spiegava quella strana sensazione che provava…

Tranquilla Marta ti libererò io e torneremo a casa!

Il lupo, era lì e voleva salvarla.

Mi dispiace, ho cercato di avvisarti

disse il lupo dispiaciuto

Lo so, ma mi sono fatta ingannare dal tuo aspetto e mi sono fidata della coccinella, ma sentivo che c’era qualcosa che non andava, mentre i tuoi occhi erano così dolci e gentili

Non preoccuparti adesso, vedrai che andrà tutto bene.

Il lupo e la coccinella iniziarono a combattere usando dei poteri magici. Il lupo era in difficoltà e la coccinella diventava sempre più forte, risucchiando le emozioni della bambina, ma proprio quando tutto sembrava perduto, Marta si asciugò le lacrime e gridò:

Io voglio provare emozioni, voglio essere allegra, ed anche triste, arrabbiata, felice, voglio provarle tutte, perché nulla ha senso senza emozioni!

La coccinella a quel punto diventò debolissima fino a sparire e PUFF…

…Eccola lì nella sua cameretta. Confusa ed intontita, notò il cassetto del suo comodino aperto ed un simpatico lupacchiotto di peluche sul suo lettino.

Andò in cucina per fare colazione ed abbracciò subito la sua mamma ed il suo papà che l’aspettavano

Quanto affetto questa mattina

esclamò la mamma divertita

hai anche ritrovato lupacchiotto! Era il tuo preferito quando eri più piccolina, dicevi che ti proteggeva.

Marta allora guardò il peluche che gli fece un veloce occhiolino

Sì mamma mi ero sbagliata, era lui questa notte, voleva solo controllare che facessi bei sogni e che nessuno mi disturbasse, adesso starà sempre accanto a me.

Please follow and like us:

Leave a Reply

Enjoy this blog? Please spread the word :)