Villa d’Este a Tivoli, capolavoro del Rinascimento

Villa d’Este a Tivoli un gioiello del Cinquecento

Villa d’Este a Tivoli è una nostra meta fissa, perché è un luogo che ti sorprende ogni volta. Inoltre fa parte di quella serie di monumenti gratuiti ogni prima Domenica del mese, motivo in più per tornarci.

Bella da togliere il fiato, all’interno ed all’esterno con un immenso giardino e spettacolari fontane.

Villa d’Este: l’interno

Voluta dal cardinale Ippolito d’Este e realizzata dall’architetto Pirro Ligorio la villa si divide in appartamento inferiore ed appartamento nobile.

Una stanza dopo l’altra tra colonne, gradinate ed affreschi con allegorie che rappresentano le virtù, ma soprattutto affreschi con il mito di Ercole.

Eroe particolarmente apprezzato anche dalla religione cristiana.

Villa d’Este: il giardino e le fontane

Il giardino della villa è composto da terrazze e pendii con grandi viali e piccole stradine. Tra logge, grotte e spazi per il ristoro si nota che dietro c’è un disegno ben preciso, un gran lavoro che ha reso Pirro Ligorio un esempio per il Cinquecento.

Il vero capolavoro di questa villa sono certamente le fontane, tante e tutte diverse, complesse, con meravigliosi giochi d’acqua.

La fontana del bicchierone, ispirata ad un calice;

quella di Pegaso con al centro il mitico cavallo alato;

la Rometta, simbolica raffigurazione del Tevere e dell’Aniene, con i suoi cento zampilli, le sculture e la barca di San Pietro a rappresentare il potere papale.

la fontana dei draghi;

la fontana della civetta, una vera chicca, grazie alla pressione dell’acqua infatti gli uccelli apparivano sui rami di metallo che cinguettavano, alla fine faceva la sua comparsa anche una civetta che stupisce tutti con il suo canto. Purtroppo questa non è sempre in funzione, perché l’acqua non più pura come un tempo potrebbe rovinare gli ingranaggi.

Ancora in funzione invece la fontana dell’organo. Una facciata tutta decorata da motivi floreali a vittorie alate ed ancora conchiglie e simboli marini, tutto proteso verso l’organo ospitato in un tempietto racchiuso nella nicchia centrale.

Un organo idraulico che emette una melodia che risuona ancora oggi per tutto il giardino.

Questa  solo una parte delle bellezze che si possono vedere a Villa d’Este a Tivoli, quindi vi consigliamo di andare a visitarla e di godervi la tranquillità e la meraviglia che solo un luogo del genere può offrire.

 

Please follow and like us:

Leave a Reply

Enjoy this blog? Please spread the word :)