Il duomo di Salerno: tesoro nascosto.

Per la serie un’oasi di relax viaggiando abbiamo scoperto il Duomo di Salerno.

Autostrada,coda, pausa. Così abbiamo optato per l’uscita successiva e fare un giretto a Salerno. Erano anni che non facevamo una capatina in una delle più graziose città campane, così… Avevamo un buonissimo ricordo della città che, anche questa volta, non ci ha deluse. L’atmosfera vivace, ma ordinata dei corso principale con i suoi negozi, la piacevole brezza del lungomare, e poi, perdendoci tra vicoli e vicoletti ecco il Duomo.

Duomo: interno, navata centrale
Il Duomo

Un autentico gioiello, ricco di particolarità. Il duomo è conosciuto anche come Cattedrale di San Matteo. Motivo? Nella cripta sono custodite le sue spoglie. La leggenda narra che le reliquie siano state portate qui nel 1801 proprio in occasione della costruzione di una chiesa dedicata al Santo. Costruita da Roberto il Guiscardo, dopo la conquista della città, sopra un’altra chiesa paleocristiana, Santa Maria degli Angeli, a sua volta eretta su un tempio romano. Il duomo di Salerno è un insieme di strati praticamente… ma le curiosità di questa chiesa non finiscono qui. Entrando Wow… Un quadriportico, l’unica altra struttura ad averlo in Italia è Sant’Ambrigio a Milano.

 

Inoltre è meraviglioso poter vedere tanti stili in una solo struttura. Molte infatti sono le modifiche di epoche successive, soprattutto nel periodo Barocco.

     

 

Altra chicca nel portico ed all’interno ci sono sepolcri di personaggi storici di spicco: da quello del Guiscardo a quello di Margherita di Durazzo, ricavati da sarcofagi romani.

La visita al duomo salernitano è stata un’esperienza straordinaria. Arte e storia di secoli racchiuse in un’unica costruzione. Bella da mozzare il fiato.

      

 

E mi raccomando: non dimenticate di assaggiare i coni di pesce ed il panuozzo salernitano…ed anche un rinfrescante gelato magari.

Altre idee per i tuoi viaggi, gite fuori porta o pomeriggi di relax?

Ne abbiamo tantissimi… Potrebbe interessarti anche Villa Lante a Bagnaia

 

Please follow and like us:

Leave a Reply

Enjoy this blog? Please spread the word :)